Tutto sulla storia di Napapijri e sul suo logo

Indossata dagli esploratori nelle spedizioni nordiche e amata dagli appassionati di streetwear, Napapijri si è affermata come brand irrinunciabile nell’abbigliamento outdoor.

Le loro giacche con la bandiera norvegese hanno fatto il giro del mondo e innamorato davvero tutti grazie alla loro filosofia di qualità tecnica e stile innovativo.

E anche se oggi Napapijri vanta di una realtà internazionale con un nome ben affermato, la storia del brand inizia con una piccola azienda italiana, tre artigiani torinesi, un’idea visionaria e uno zaino.

Sì, hai capito proprio bene. Uno zaino.

Perché la piccola azienda di Torino si occupava di progettare, cucire e spedire zaini tecnici per la montagna, prima di essere rilevata da Giuliana Rosset e diventare il famoso brand che conosciamo oggi.

Storia di un mito: un inizio tutto italiano

Era il 1987 quando la giovane imprenditrice decide di acquistare quella piccola impresa torinese e spostare la produzione in Valle d’Aosta. Una scelta che, però, non portò a nessun cambio di traiettoria. Per i primi anni l’azienda, infatti, continuò con la produzione di zaini e borse tecniche, altamente resistenti e creati con materiali innovativi.

Il primo prodotto a sfoggiare il brand Napapijri fu proprio un borsone. Nello specifico la borsa Bering, così chiamata in onore all’esploratore Vitus Bering passato alla storia per essersi avventurato nel mar Artico.

Arrivò poi il momento di espandere i propri orizzonti. Sempre con l’idea di offrire abbigliamento tecnico di alta qualità, venne creata una piccola collezione per lo sci che ebbe subito successo.

Napapijri piumino Aerons

Il rigore tecnico si mescola alla creatività, ai colori, ai timbri delle spedizioni storiche. Il tutto coronato sempre dal logo Napapijri e dalla bandiera norvegese.

Il capo di punta? La giacca Skidoo, con le sue poche cuciture e la sua massima protezione. La stessa che, affiancata alla Rainforest, divenne un’icona intramontabile del brand.

Ed è proprio in questo clima di innovazione ispirato ai paesaggi estremi dei paesi nordici che la filosofia dell’azienda si fa strada in un ambiente più urbano. Il semplice anorak diventa un’icona di stile e si trasforma in un’espressione di continuo superamento di sé stessi.

Logo Napapijri

Le origini nell’Artico: da dove proviene il nome Napapijri?

Il nome del marchio è stato da sempre un tema curioso. Perché una marca con origini assolutamente italiane sceglie per logo la bandiera norvegese e un nome che di italiano non ha proprio niente?

La risposta va ricercata nel fatto che la marca si ispira ad una realtà diversa. Il centro del brand, infatti, è il coraggio e la passione degli esploratori dei poli.

Ed è proprio per questo che il nome scelto è Napapijri, un termine che proviene dalla parola finlandese ‘Circolo polare artico’.

Giacca Rainforest Napapijri

La filosofia aziendale è chiara: rendere omaggio alla passione per l’ignoto e al pensare fuori dagli schemi. Caratteristiche tipiche di chi fa della propria vita un viaggio unico nella naturalezza.

Una filosofia che si riflette in ogni singolo design di Napapijri. I capi creati sono tecnici e performanti, si spingono al di là dei luoghi comuni e offrono una continua innovazione di qualità e stile.

Napapijri giacca rainforest

Skidoo e Rainforest: le due icone Napapijri

Sarà quindi proprio per le alte prestazioni dei suoi capi che le due icone insostituibili del brand sono due giacche. Entrambe un punto di riferimento per gli amanti dello streetwear.

La Skidoo è la prima giacca in assoluto disegnata dal brand. Famosa ormai da 30 anni, non è un caso che abbia resistito al passare del tempo. Il suo design unico offre una totale protezione dal freddo e uno stile esclusivo.

Il grande cappuccio, la tasca frontale con patta e la cintura regolabile in vita permettono di personalizzare il look e sentirti sempre protetto. È ideale per affrontare le intemperie e le temperature più ostili grazie all’innovativo sistema isolante Thermo-Fibre™, utilizzato al posto delle piume per una scelta più ecologica.

Napapijri giacca skidoo
Napapijri giacca Rainforest

La Rainforest, invece, è la giacca che tutti vogliono per l’autunno. Morbida e calda grazie alla fodera in pile e all’imbottitura trapuntata, è così comoda che sembra una felpa. Presentata oggi anche nella versione Winter per più imbottita per l’inverno.

E oltre al comfort estremo, quello che la Rainforest offre è uno stile unico. Sempre caratterizzata dalla grande tasca frontale con il logo Napapijri e dalla bandiera norvegese ben in vista, la Rainforest è proposta in tantissime tonalità che permettono ad ognuno di esprimere il proprio look.

Giacca Napapijri Rainforest
Giacca Napapijri Skidoo

L’arrivo in città: Napapijri oggi

Già consolidato e rispettato, il brand oggi continua con l’eredità Napapijri e ha conquistato un importante spazio all’interno del panorama urbano.

Passato a far parte del gruppo VF Corporation che include marche come Timberland, Vans, Eastpack e The North Face, Napapijri si posiziona come uno dei brand streetwear più di tendenza.

La collezione di abbigliamento proposta per l’inverno 2018 è caratterizzata da design minimalisti che combinano classicità di stile e dettagli moderni. T-shirt, pantaloni, maglie e felpe dal look semplice e versatile, affiancate ovviamente dalle storiche giacche.

Il tutto pervaso da design che punta sull’efficacia e sul carattere di stile. Un must have imprescindibile per tutti gli amanti dello street style.

Share

LEGGI ANCHE

FASHION l Editor

Abbigliamento sportivo e tecnologia traspirante

Abbiamo spesso parlato di esercizi,...

-->

FASHION l Editor

Cosa sono i joggers

I classici pantaloni della tuta riv...

-->

FASHION l Editor

Athleisure: un trend inarrestabile

Ce ne siamo accorti tutti da qualch...

-->

FASHION l Editor

Back to School: outfit con stile

Si torna a scuola!!! Mai come quest...

-->

FASHION l Editor

Back to school: come scegliere lo zaino nuovo

Ecco che arriva uno dei momenti pi...

-->

FASHION l Editor

Le proposte outfit per fare sport di adidas

Lo sport è stato in pausa negli ul...

-->