adidas Boost: cos’è e perché è così comoda?

La tecnología Boost di adidas rivoluzionò il mercato delle sneakers quando nel 2013 il brand tedesco introdusse per la prima volta questo sistema di ammortizzazione rivoluzionario. Ma cos’è realmente la tecnologia Boost?

Fin da gennaio 2015, data ufficiale del primo lancio, le scarpe Ultra Boost si sono evolute senza sosta e sono diventate tra i modelli più richiesti. La versione più famosa che sfrutta questa tecnologia è una, ma esistono vari modelli che la possiedono.

Di cosa è fatta la suola Boost?

Se vuoi fare lo sneakerhead “so tutto io”, allora devi conoscere questo segreto di adidas. L’ammortizzazione nascosta nell’intersuola, Boost in questo caso, è il risultato della collaborazione tra la marca e l’industria chimica BASF.

Viene utilizzato il poliuretano termoplastico (TPU), ovvero un materiale granuloso che somiglia molto alla gomma naturale e che si può modellare fino ad ottenere minuscoli frammenti. In sostanza parliamo di mini camere d’aria che, insieme, garantiscono una reattività eccezionale. Bisogna anche menzionare che il poliuretano è una delle sostanze con maggiore resistenza all’abrasione e tra le migliori per capacità di carico.

L’evoluzione della tecnologia Boost: dal running allo streetwear

ALT TEXT

Quando adidas lanciò per la prima volta le Ultra Boost, furono accolte con grande entusiasmo dagli sportivi perchè la nuova tecnologia di ammortizzazione era l’alleata ideale per correre o allenarsi in palestra.

Ciò nonostante, la grande varietà di modelli e colorazioni ha affermato le UB come alcune tra le sneakers più famose firmate 3-Stripes. Non si tratta più solo di usarle per fare sport, ma anche di indossarle nella vita quotidiana come tocco finale di stile per un outfit streetwear. La combinazione di stile e comfort estremo, quindi, le ha consacrate come un vero must-have per ogni appassionato del settore.

ALT TEXT

Quali sono i modelli adidas con tecnologia Boost?

Molti di più di quanti tu possa immaginare. Per questo motivo, te ne elenchiamo solo alcuni, una piccola selezione delle silhouette più famose che vantano questo tipo di ammortizzazione.

adidas Ultra Boost (2015)

ALT TEXT

Abbiamo già parlato abastanza di questo modello, quindi ti daremo solo poche informazioni in più. Sono considerate tra le scarpe più comode sul mercato e alcuni dei modelli disponibili sono DNA, Clima, Uncaged, UB19, UB20 e il modello OG ovviamente. Queste scarpe si sono fatte conoscere anche per le varie collaborazioni con Star Wars, Game of Thrones, Undefeated, Bape o Ivy Park.

adidas NMD (2015)

ALT TEXT

La prima scommessa (vinta) di adidas al momento di voler utilizzare la tecnologia Boost in un modelo lifestyle per il grande pubblico. Queste scarpe hanno fatto conoscere l’ammortizzazione Boost al di fuori del mondo del running e dello sport in generale.

Anche di queste sneakers esistono moltissimi colori e versioni nate dalla collaborazione con brand come Parley. Di quest’ultima bisogna menzionare il modello realizzato utilizzando plastica riciclata proveniente dal mare. Un piccolo passo verso una moda ecosostenibile.

adidas Nite Jogger (2019)

ALT TEXT

Stile retro che si ispira all’estetica anni ’80 e tecnologia che guarda al futuro: stiamo parlando delle adidas Nite Jogger. Quando design e comfort si uniscono alla perfezione, nasce un modello del quale rimanere soddisfatti al 100%. Provale anche tu!

È scontato affermare che adidas continuerà a creare modelli con questo tipo di ammortizzazione dato che si è dimostrata essere la migliore e la più amata tecnologia sul mercato. Se ti abbiamo incuriosito ti consigliamo di leggere altri articoli simili come quello sull’unità Nike Air.

Share

LEGGI ANCHE

SNEAKERS l Editor

Footwear ispirato al futuro con le adidas Originals ZX22

La tua collezione di sneakers ha bi...

-->

SNEAKERS l Editor

50 Anni di Nike

Stiamo celebrando i 50 anni di Nike...

-->

SNEAKERS l Editor

Le scarpe estive ideali da sfoggiare nel 2022

Non indosseresti mai un berretto di...

-->

SNEAKERS l Editor

NMD V3: scopri la nuova visione adidas Originals

SNEAKERS l Editor

Differenze tra le Nike Dunk e le Air Jordan 1

Anche se sono passati 35 anni dal l...

-->

SNEAKERS l Editor

Il comfort arriva dal futuro con le Ozweego Knit

Le